El Hierro, le canarie sconosciute

A chi è rivolto?

Rivolto a coloro che desiderano un viaggio di gruppo organizzato e che sono appassionati di cultura, geologia, storia e natura in generale.

Perché El Hieroo?

Il patrimonio ambientale e la sua peculiare bellezza; centinaia di coni vulcanici visibili e spettacolari campi di lava; i panorami mozzafiato; le piscine naturali modellate dalla forza dell’Oceano Atlantico; i sentieri, testimoni di un passato ancora vivo; la tranquillità dei suoi paesi; l’ospitalità della sua gente; i suoi artigiani; cucina tradizionale e ottimi vini; la Biodiversità …

Itinerario

1º Giorno: Arrivo

Arrivo in aeroporto / porto e trasferimento all’Hotel Boomerang.

2º Giorno: L'Acqua

Valverde – Tiñor – La Albarrada – El Garoé – Valverde

13 km, +600-600, 5 ore

Passato, presente e futuro dell’acqua sull’isola di El Hierro … camminando da Valverde a San Andrés, passando per il Garoé e le sue piscine, il bosco di Valverde … fino al rientro nella Capitale; nel pomeriggio visita al paesino costiero di Tamaduste.

3º Giorno: "Las Mudadas"

Mirador de La Peña – Altopiano di Nisdafe – Sentiero di Jinama – Chiesa della Candelaria

13 km, -950 +500, 5 ore

Un sentiero di grande ricchezza naturalistica ed etnografica, teatro delle tradizionali “mudadas” tra la Valle del Golfo e i villaggi di Azofa; nel pomeriggio visita dell’hotel più piccolo del mondo a Punta Grande e delle piscine di marea di La Maceta.

4º Giorno: I Boschi

El Morcillo – Cruz de los Reyes – Malpaso – Hoya del Pino

10 km, +500-500, 4 ore

Un percorso dalla Hoya del Morcillo, attraverso la Cruz de Los Reyes e il Malpaso, attraverso i boschi di Pino Canario e Fayal Brezal; nel pomeriggio visita all’Ecomuseo di Guinea e Lagartario.

5º Giorno: La Fine del Mondo

Sabinosa – Mirador de Bascos – El Sabinar – Santuario della Virgen de Los Reyes

9 km, -150 +880, 4 ore

Da Sabinosa all’estremità più occidentale dell’isola e della Spagna, passando per la foresta incantata delle Sabine modellata dagli Alisei fino a raggiungere il Santuario della Virgen de Los Reyes; nel pomeriggio, durante il trasferimento, visita del Mirador del Julan e del Centro di Interpretazione dei Letreros.

6º Giorno: I Vulcani

El Pinar – Los Roques – El Tacorón

10 km, +100-850, 4 ore

Un percorso con focus geologico che scorre tra i coni vulcanici che hanno dato origine alle colate laviche che formano Los Lajiales, uno dei paesaggi naturali più significativi dell’isola più giovane dell’arcipelago e che termina nella Baia di Tacorón; nel pomeriggio visita del Centro di interpretazione vulcanologica.

7º Giorno: Trasferimento

Trasferimento in aeroporto / porto e partenza.

Dettagli

Difficoltà:   media
Gruppi: da 4 a 14 persone
Distanza totale: 55 km
Camminate giornaliere di 4/6 ore
Sentieri: fondali rocciosi e tratti in materiale vulcanico sciolto; piste sterrate.
Date: disponibile tutto l’anno.
Prossima data in programma:

Materiale Necessario

Si consiglia di indossare indumenti adatti (a strati, per proteggere il nostro corpo da eventuali intemperie e mantenerlo sempre asciutto combinando tre diversi tipi di abbigliamento), scarpe/scarponi comodi e resistenti, giacca impermeabile, pile fine e / o spesso (a seconda della stagione), cappello, zaino, bastoncini da trekking, borraccia, crema solare, occhiali da sole, macchina fotografica.

Alloggiamento

2 notti all’Hotel Boomerang di Valverde;
2 notti negli appartamenti Frontera a Tigaday;
2 notti negli appartamenti La Marina a La Restinga.

Costo

695€/per persona tasse incluse (supplemento singola 140€).

Include : Sistemazione in mezza pensione/camera doppia; Trasferimenti con veicolo privato; Guida locale; Itinerari e attività quotidiane; Ingresso ai Centri di Interpretazione; Assicurazione infortuni.

Per maggiori informazioni e/o prenotazioni chiama +34649650913 o scrivici nel nostro modulo di contatto.